Recensione

... Eugubino di nascita, ha assorbito nella sua vocazione artistica, la  virtualita' di certa pittura fiamminga, quelle appunto anzidette che fecero storicamente  la celebre  scuola olandese.    Il balzo  culturale di questo pittore  che  per mezzo dell'arte e' approdato dagli studi tecnici   in terra specificatamente umanistica' e' stoto certamente notevole.     La  rappresentazione delle  "nature immote" ,  in Staffaroni  desta  allo   sguardo osservatore,  una oggettualita'  semplice e usuale.   Si riscontra in tali sue opere, l'efficacia espressiva, resa con una tecnica esecutiva duttile e varia

                                                                               ( G.Coviello)



   Il suo  genere e' figurativo moderno,  ma con una  variante di  stile che  "sigilla"  la peculiarita' e la personalita'  del suo  lavoro per  la continua e  intensa ricerca della forma e del colore.          Le sue opere  si possono  definire come un  nuovo genere di nutura morta, "oggettualismo".   Con questo termine potremmo identificare le nature morte degli  anni duemila  che    questo  artista e'  riuscito  a   ridefinire con  la sua  passione ed  abilita', collocando nella tela un insieme di forme oggettuali riuscendo a catturare un immediato e particolare interesse allo sguardo asservatore.

                                                                          ( F. DeMontrej

 

 

 

 

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!